Piazzale Luigi Sturzo 31Roma, 00144
Telefono 06.5423651Fax 06.59602920

Categoria: 2015

29 posts

Roma, 16 dicembre 2015 – I consumi petroliferi italiani, secondo i dati provvisori del mese di novembre 2015, sono ammontati a circa 4,9 milioni di tonnellate, con un aumento pari all’8,0% (+363.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

Questo incremento è da attribuire alla concomitanza di diversi fattori positivi: un giorno di consegna in più, la consistente riduzione dei prezzi e condizioni meteo favorevoli.

I prodotti autotrazione, con un giorno di consegna in più, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un incremento del 2,4% (+14.000 tonnellate) rispetto a novembre 2014, e il gasolio autotrazione del 4,4% (+79.000 tonnellate).

Le vendite sulla rete di benzina e gasolio, nel mese di novembre, hanno segnato un incremento rispettivamente del 3,5%, e del 5,5%.

La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di novembre è così risultata pari a circa 2,5 milioni di tonnellate, di cui 0,6 milioni di tonnellate di benzina e 1,9 di gasolio autotrazione, con un incremento del 3,9% (+93.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono aumentate del 23,6%, con quelle diesel che hanno rappresentato il 57,6% del totale (era il 55,3% nel novembre 2014).

Nei primi undici mesi del 2015, i consumi sono stati pari a circa 54,4 milioni di tonnellate, con un aumento del 3,5% (+1.814.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2014.

La benzina, nel periodo considerato, ha mostrato una flessione dell’1,2% (-88.000 tonnellate), mentre il gasolio è cresciuto dell’1,7% (+351.000 tonnellate).

Nei primi undici mesi le vendite sulla rete hanno segnato un calo dell’1,1% per la benzina e un aumento dell’1,9% per il gasolio.

Nei primi undici mesi del 2015 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), pari a 28,3 milioni di tonnellate, evidenzia un incremento dello 0,9% (+263.000 tonnellate).

Nello stesso periodo le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in crescita del 15,4%, con quelle diesel a coprire il 55,5% del totale (era il 55,4 nei primi undici mesi del 2014).

pdf
DOWNLOAD 2015.12.16 Comunicato consumi petroliferi novembre 2015

Roma, 16 dicembre 2015 – Sorprendono le dichiarazioni delle Associazioni dei gestori sulle offerte presentate per le aree di servizio autostradale che anticipano dati che, fino a prova contraria, dovrebbero essere e restare riservati e sulla cui attendibilità e soprattutto generalizzazione si esprimono forti dubbi.

Ciò rischia di creare turbamento nel corretto svolgimento delle prossime gare e generare distorsioni di mercato.

Le cifre che vengono citate nel comunicato, firmato da tutte e tre le sigle sindacali, vengono utilizzate per screditare le compagnie petrolifere che per prime hanno denunciato l’insostenibilità della situazione in autostrada che richiede un deciso intervento di seria razionalizzazione per riportare condizioni minime di economicità.

pdf
DOWNLOAD 2015.12.16 Autostrade – UP risponde ai gestori

 

Roma, 4 dicembre 2015 Istituzione di un tavolo permanente congiunto al fine di monitorare il fenomeno dell’illegalità e identificazione di possibili proposte operative in grado di contrastare tale fenomeno.

Questi gli esiti principali dell’incontro tenutosi ieri tra i vertici di Unione Petrolifera e Assopetroli dedicato al tema dell’illegalità presente sul mercato dei carburanti, che rappresenta non solo un danno rilevante per chi rispetta la legge e per gli operatori onesti che si vedono sottrarre ingenti volumi, ma anche per l’Erario cui, secondo una stima prudenziale, l’evasione Iva costa ogni anno non meno di un miliardo di euro.

Un fenomeno allarmante che appare in continua crescita, come provano le cronache ormai quotidiane delle operazioni della Guardia di Finanza.

Il tavolo avviato ieri verrà strutturato nelle prossime settimane con un dettagliato piano di lavoro e sarà allargato anche ad altri componenti della filiera, a partire dalle Associazioni dei gestori.

pdf
DOWNLOAD 2015.12.04 Comunicato congiunto UP-Assopetroli su illegalità

Roma 30 novembre 2015 – Siamo d’accordo che l’elevato carico fiscale e l’arretratezza strutturale della rete distributiva sono i due principali problemi che caratterizzano il mercato della distribuzione carburanti in Italia, come emerge dall’edizione 2015 dell’Indice delle liberalizzazioni curato da IBL. Il DDL Concorrenza all’esame del Parlamento prova a dare una prima risposta, per quanto parziale, al tema della ristrutturazione della rete.

Non siamo invece d’accordo con le affermazioni della Grande Distribuzione Organizzata (GDO), apparse oggi su alcuni quotidiani nazionali (Corriere Economia e Affari&Finanza), che ritiene il mercato italiano chiuso e non concorrenziale.

La liberalizzazione del mercato dei carburanti, riconosciuta peraltro dalla stessa Antitrust, è provata dalle molteplicità di nuovi operatori oggi presenti sul mercato, nonché dalla ampia competizione sui prezzi che caratterizza il territorio nazionale, come si può rilevare dall’Osservatorio prezzi del Ministero dello Sviluppo Economico.

L’Italia, dal punto di vista del prezzo industriale dei carburanti, cioè al netto delle tasse, non solo è ormai allineata all’Europa, ma per la benzina il prezzo in queste due ultime settimane è risultato addirittura inferiore alla media europea.

Risultano pertanto pretestuose le tesi sostenute dalla GDO, soprattutto laddove ritiene una barriera all’ingresso l’obbligo di assicurare sugli impianti un terzo carburante eco-compatibile (gpl, metano, gnl, ecc.), previsto da molte Regioni per traguardare gli obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti di cui si sta parlando proprio in questi giorni a Parigi.

pdf
DOWNLOAD 2015.11.30 Comunicato UP su mercato carburanti

Roma, 13 novembre 2015 – I consumi petroliferi italiani, secondo i dati provvisori del mese di ottobre 2015, sono ammontati a circa 5,1 milioni di tonnellate, con un aumento pari all’1,2% (+60.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

I prodotti autotrazione, con un giorno di consegna in meno, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un calo del 5,5% (-38.000 tonnellate) rispetto ad ottobre 2014, e il gasolio autotrazione del 2,2% (-45.000 tonnellate).

Le vendite sulla rete di benzina, nel mese di ottobre, hanno segnato un calo del 5,2%, mentre il gasolio dell’1,5%.

La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di ottobre è così risultata pari a circa 2,7 milioni di tonnellate, di cui 0,7 milioni di tonnellate di benzina e 2,0 di gasolio autotrazione, con un decremento del 3,0% (-83.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono aumentate dell’8,4%, con quelle diesel che hanno rappresentato il 55,6% del totale (era il 54,0% nell’ottobre 2014).

Nei primi dieci mesi del 2015, i consumi sono stati pari a circa 49,5 milioni di tonnellate, con un aumento del 3,0% (+1.426.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2014.

La benzina, nel periodo considerato, ha mostrato una flessione dell’1,2% (-78.000 tonnellate), mentre il gasolio è cresciuto dell’1,6% (+307.000 tonnellate).

Nei primi dieci mesi le vendite sulla rete hanno segnato un calo dell’1,1 per la benzina e un aumento dell’1,6% per il gasolio.

Nei primi dieci mesi del 2015 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), pari a 25,9 milioni di tonnellate, evidenzia un incremento dello 0,9% (+229.000 tonnellate).

Nello stesso periodo le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in crescita del 14,6%, con quelle diesel a coprire il 55,3% del totale (era il 55,3 nei primi dieci mesi del 2014).

pdf

DOWNLOAD 2015.11.13 Comunicato consumi petroliferi ottobre 2015

Roma, 19 ottobre 2015 – I consumi petroliferi italiani nel mese di settembre 2015 sono ammontati a circa 5,1 milioni di tonnellate, con un aumento pari al 2,9% (+144.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

I prodotti autotrazione, a parità di giorni di consegna, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un calo del 3,1% (-21.000 tonnellate) rispetto a settembre 2014, e il gasolio autotrazione dell’1,7% (-33.000 tonnellate).

La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di settembre è così risultata pari a circa 2,6 milioni di tonnellate, di cui 0,7 milioni di tonnellate di benzina e 1,9 di gasolio autotrazione, con un decremento del 2% (-54.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2014.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono aumentate del 17,2%, con quelle diesel che hanno rappresentato il 53,9% del totale (era il 52,9% nel settembre 2014).

Nei primi nove mesi del 2015, i consumi sono stati pari a circa 44,3 milioni di tonnellate, con un aumento del 3,1% (+1.320.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2014.

La benzina, nel periodo considerato, ha mostrato una flessione dello 0,7% (-42.000 tonnellate), mentre il gasolio è cresciuto del 2,2% (+368.000 tonnellate).

Nei primi nove mesi del 2015 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), pari a 23,3 milioni di tonnellate, evidenzia un incremento dell’1,4% (+326.000 tonnellate).

Nello stesso periodo le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in crescita del 15,2%, con quelle diesel a coprire il 55,2% del totale (era il 55,5 nei primi nove mesi del 2014).

pdf DOWNLOAD 2015.10.19 Comunicato consumi petroliferi settembre 2015

Roma, 25 settembre 2015 – L’Assemblea privata di Unione Petrolifera, tenutasi oggi presso la sede di Piazza Luigi Sturzo, ha deliberato all’unanimità, su proposta della Giunta, la nomina dell’ing. Claudio Spinaci alla carica di Presidente dell’Unione Petrolifera.

La nomina giunge al termine dell’ulteriore approfondimento effettuato della Commissione di designazione composta da Angelo Fanelli, Alessandro Garrone e Ugo Brachetti Peretti, che ha consentito di individuare nella persona di Claudio Spinaci, che già rivestiva la carica di Vicepresidente dell’Unione Petrolifera, una candidatura largamente condivisa dagli Associati, che si inserisce nella continuità con la gestione del Presidente uscente, Alessandro Gilotti, e con i criteri di rotazione nelle cariche sociali a suo tempo definiti.

L’Assemblea e la Giunta hanno ribadito l’apprezzamento unanime per l’impegno e la dedizione mostrata dal Presidente uscente, ringraziandolo per il lavoro svolto e rivolgendo un caloroso augurio di buon lavoro al nuovo Presidente.

L’Assemblea ha altresì nominato i Vice Presidenti nelle persone di Daniele Bandiera (api), Gianni Murano (Esso), Alessandro Gilotti (Q8) e Paolo Grossi (eni). E’ stato inoltre rinnovato il Consiglio Direttivo.

Spinaci, nato a Roma nel 1957, laureato in ingegneria, inizia la sua carriera nella Esso Italiana per poi passare in Erg Petroli e, dopo la fusione con Total, in TotalErg dove attualmente ricopre la carica di Amministratore Delegato.

avi DOWNLOAD Comunicato nomina Presidente UP